CUCCIDDATU SCANIATU

CUCCIDDATU SCANIATU

Il “Cucciddatu Scaniatu” è un impasto a forma di ciambella ripieno o solo di salsiccia o di salsiccia e ricotta, ed è uno dei prodotti tipici della tradizione sciclitana. Anticamente, quando nelle famiglie contadine si preparava il pane, insieme ad esso veniva preparato anche il cucciddatu. La pasta base utilizzata per prepararlo è quella per fare il pane, ovvero farina di grano duro, acqua, lievito e sale; a questa si aggiunge poi dello strutto e si lavora molto l’impasto, da cui appunto il nome scaniatu (lavorato), per poi lasciarlo riposare per un’ora. Si cosparge poi il tavolo di lavorazione con del caciocavallo grattugiato e vi si posa sopra l’impasto a forma di filoncino, facendo attenzione che il caciocavallo attacchi bene sull’esterno della pasta. A questo punto si crea un incavo all’interno del filoncino e lo si riempie con salsiccia cruda oppure con salsiccia e ricotta alternate. Si richiude il filoncino e si uniscono le estremità, dandogli la forma di una ciambella. Si cosparge la superficie con altro caciocavallo grattugiato e pepe nero; negli intervalli vuoti della pasta si aggiungono uova battute a schiuma più ricotta e salsiccia sbriciolata. Si inforna il tutto in una teglia unta con olio d’oliva a 200°, per 20-30 minuti, finché il cuccidatu non sarà dorato e pronto da gustare.

wordpress theme by initheme.com

© Discovery Montalbano 2017. All Rights Reserved

Translate »