SAN GIORGIO

SAN GIORGIO

“San Giorgio” è il compatrono della città di Modica insieme a San Pietro, e viene festeggiato ogni anno il fine settimana successivo al 23 aprile. Come da tradizione i Sangiuggiari (devoti di San Giorgio), acerrimi nemici dei Sampittrari (devoti di San Pietro), portano a spalla il simulacro del Santo (rappresentato su un cavallo mentre uccide il drago) per le vie della città, in un clima festoso e di forte attaccamento. La festa inizia la domenica pomeriggio quando il simulacro viene fatto uscire dal duomo salutato da raffiche di volantini e fuochi d’artificio. Da qui in poi parte la processione vera e propria, caratterizzata dalla particolare andatura del Santo, la cui statua viene trasportata alternando un passo veloce a momenti di corsa, al fine di simulare il galoppo del cavallo. Il giro del Santo si snoda per tutta la città di Modica Alta e Bassa ed è intervallato solo da alcune soste (fimmati) per far rifocillare i portatori. Tradizionalmente venivano forniti vino e uova sode, oggi invece si trova di tutto e vi è solo l’imbarazzo della scelta. La processione si conclude solo in tarda serata quando, dopo i consueti fuochi d’artificio conclusivi e in un clima fortemente suggestivo, il simulacro rientra in chiesa e viene fatto girare più volte tra le navate (i cosiddetti gira). Alla fine si andrà avanti così fino a quando i Sangiuggiari, ormai esausti, riporranno il simulacro nell’apposito transetto.

wordpress theme by initheme.com

© Discovery Montalbano 2017. All Rights Reserved

Translate »